L’assurance chômage

Désolé, cet article est seulement disponible en Italien. Pour le confort de l’utilisateur, le contenu est affiché ci-dessous dans une autre langue. Vous pouvez cliquer le lien pour changer de langue active.

ORIGINE DELL’INDENNITÀ

Il lavoratore che è stato privato involontariamente del suo lavoro ha diritto ad un reddito sostitutivo dello stipendio.

Questo reddito viene erogato sotto forma di indennità che possono provenire :

  • dal regime dell’assicurazione disoccupazione propriamente detta, gestito pariteticamente e finanziato dai contributi dei lavoratori dipendenti e dai datori di lavoro. La contribuzione a carico del lavoratore dipendente è del 2,40 %.
  • dal regime di solidarietà, finanziato dallo Stato e dal cosiddetto « 1% » dei diendenti statali. Questo regime di solidarietà si rivolge a coloro che :
    • non possono (per mancanza di attività lavorativa precedente),
    • o non possono più beneficiare dell’assicurazione disoccupazione (vedi tabella « Durata dei versamenti delle indennità di disoccupazione » in fondo a questa pagina).

Il « PÔLE EMPLOI » (Polo per l’Impiego)

Dal 1° gennaio 2009 tutte le politiche per l’occupazione, il regime di assicurazione disoccupazione e il regime di solidarietà sono gestiti da un unico ente, il « PÔLE EMPLOI » frutto della fusione tra l’ex-Servizio Pubblico per l’Impiego « Agence Nationale pour l’Emploi » (ANPE) e l’ente paritario UNEDIC-ASSEDIC che gestiva l’indennizzo della disoccupazione.

LE INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE

In caso di perdita involontaria dell’occupazione il lavoratore ha diritto a delle indennità di disoccupazione.

La durata e l’importo di queste indennità dipendono :

  • dalla durata dell’affiliazione, cioè dalla durata dei versamenti al regime di assicurazione contro la disoccupazione nel periodo precedente la rottura del contratto di lavoro,
  • dall’età
  • dall’importo del salario giornaliero precedente (detto « salario giornaliero di riferimento » – S.G.R.).

Per calcolare la durata di affiliazione al regime di assicurazione disoccupazione possono valere anche i periodi di lavoro effettuati in un altro Paese dello Spazio Economico Europeo e Svizzera, secondo il principio della totalizzazione previsto dal Regolamento Europeo 883/04.

L’IMPORTO DELLE INDENNITÀ DI DISOCCUPAZIONE

L’indennità di disoccupazione viene chiamata « A.R.E. » (Allocation d’Aide au Retour à l’Emploi, cioè : Assegno di Aiuto al Ritorno all’Occupazione).

L’importo lordo giornaliero dell’ « A.R.E » è pari (dati al 1.7.2015) :

  • a 40,4 % del salario giornaliero di riferimento (S.G.R.), al quale si aggiunge una parte fissa di 11,76 €
  • oppure al 57,4 % dell’S.G.R.

Verrà adottato il calcolo più favorevole.

L’assegno « A.R.E. » comporta :

  • un importo minimo fissato a 28,58 €
  • o un importo massimo : l’assegno non puo’ superare il 75 % dell’S.G.R.

DURATA DEI VERSAMENTI DELLE INDENNITA’ DI DISOCCUPAZIONE

norme per i contratti di lavoro terminati dopo il 2 aprile 2009

 

per chi ha meno di 50 anni di età[1]

per chi ha 50 anni e oltre

durata di affiliazione all’assicurazione disoccupazione

122 giorni o 610 ore (4 mesi) nel corso degli ultimi 28 mesi

122 giorni o 610 ore (4 mesi) nel corso degli ultimi 36 mesi

durata dei versamenti dell’indennità

durata uguale alla durata di affiliazione

durata uguale alla durata di affiliazione

durata massima dei versamenti dell’indennità

730 giorni (24 mesi)

1095 giorni (36 mesi)

PER SAPERNE DI PIU’ :

www.pole-emploi.fr


[1] L’età viene valutata alla fine del contratto di lavoro

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

*