La retraite vieillesse

Désolé, cet article est seulement disponible en Italien. Pour le confort de l’utilisateur, le contenu est affiché ci-dessous dans une autre langue. Vous pouvez cliquer le lien pour changer de langue active.

LE ULTIME RIFORME

Il sistema pensionistico francese è stato oggetto di un’importante riforma (successivamente chiamata « riforma Sarkozy”) adottata dal Parlamento francese con la legge n° 2010-1330 del 9.11.2010.

Tale riforma è stata a sua volta “riformata” dal nuovo Governo francese (riforma “Hollande) con l’introduzione della nuova possibilità di ottenere una pensione a partire da 60 anni in certi casi (vedere pagina « La pensione francese anticipata »).

PRINCIPALI LINEE DELLA « RIFORMA Sarkozy

  • il prolungamento della durata di assicurazione richiesta al fine della maturazione del diritto ad una pensione calcolata “pienamente”, senza penalità (“a tasso pieno”);
  • l’innalzamento progressivo dell’età pensionabile per la maturazione del diritto a pensione e del calcolo “a tasso pieno” (per il dettaglio di questo punto della riforma si veda più sotto il capitolo concernente l’età) :
    • per coloro che sono nati prima del 1° luglio 1951 l’età pensionabile è di 65 anni, con possibilità di pensione anticipata a partire dai 60 anni,
    • per coloro che sono nati a partire dal 1° luglio 1951 tale età sarà portata progressivamente a 67 anni con possibilità di pensione anticipata a partire dai 62 anni.
  • deroghe concernenti l’età pensionabile per chi ha effettuato lavori usuranti o per particolari situazioni familiari;
  • il mantenimento del dispositivo del pensionamento anticipato per carriere di lavoro particolarmente lunghe o per handicap.

Per l’applicazione progressiva della riforma, la data di nascita del lavoratore pensionando, specialmente per coloro che sono nati prima del 1955, assume un’importanza particolare.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

*