Calcul de la retraite vieillesse

Désolé, cet article est seulement disponible en Italien. Pour le confort de l’utilisateur, le contenu est affiché ci-dessous dans une autre langue. Vous pouvez cliquer le lien pour changer de langue active.

4 PARAMETRI PER IL CALCOLO DELLA PENSIONE DI VECCHAIA

  • Lo stipendio di riferimento
  • Il tasso di calcolo
  • La durata dell’assicurazione
  • L’età al momento della domanda

Lo stipendio di riferimento : i 25 anni “migliori”

La pensione francese di basa sulla retribuzione (sistema retributivo).

Lo stipendio di riferimento è lo stipendio medio dei 25 anni « migliori », debitamente rivalutati, della carriera lavorativa.

Per questo calcolo si tiene conto solo dello stipendio sottoposto a contribuzione e che, per il 2016, è la parte di stipendio da zero euro a  3.218 euro lordi mensili (il cosiddetto « plafond » di contribuzione della « Sécurité Sociale »).

Per la pensione francese « di base » o principale, detta appunto della « Sécurité Sociale » non viene versato alcun contributo per la parte di stipendio superiore al « plafond ».

Il “tasso” o percentuale di calcolo

 La pensione « piena », è pari al 50 % dello stipendio di riferimento.

In ogni caso la pensione “di base” o pensione principale, detta anche della “Sécurité Sociale” e cioè erogata dalle Casse CNAV, CARSAT o MSA, non potrà essere superiore a 50% del cosiddetto “plafond” in vigore al momento del pensionamento e cioè, per il 2016, a 1 609 euro.

Se si richiede una decorrenza anticipata rispetto all’età pensionabile corrispondente alla propria data di nascita e se non si risponde ai requisiti di durata della contribuzione, il tasso o la percentuale di calcolo sarà definitivamente ridotto.

La durata dell’assicurazione : quanti contributi sono necessari?

La durata della contribuzione necessaria per ottenere una pensione calcolata “pienamente” aveva cominciato ad essere aumentata già dal 1° gennaio 2009.

La pensione così calcolata (“au taux plein”, a tasso pieno) per chi era nato prima del 1° gennaio 1949 si basava su 160 trimestri, cioè 40 anni.

Progressivamente il numero dei trimestri necessari è stato aumentato in questo modo:

  • nati nel 1949                       161 trimestri (40 anni e 1 trimestre)
  • nati nel 1950                       162 trimestri  (40 anni e mezzo)
  • nati nel 1951                       163 trimestri  (40 anni e 3 trimestri)
  • nati nel 1952                       164 trimestri  (41 anni)
  • nati nel 1953 e 1954      165 trimestri  (41 anni e 1 trimestre)
  • nati nel 1955                       166 trimestri  (41 anni e mezzo)
  • nati nel 1956                       166 trimestri  (41 anni e mezzo)

Per chi è nato nel 1957 e anni seguenti il numero di trimestri sarà precisato con Decreto nel corso dell’anno di compimento dei 56 anni di età (e quindi per i nati nel 1960, nel corso del 20216).

Per un periodo di assicurazione inferiore verrà concessa una pensione proporzionale alla durata, « pro-rata temporis ».

Un solo trimestre è sufficiente per maturare un diritto a pensione francese. Il minimo di contribuzione richiesto dalla Francia per ottenere un « pro-rata temporis » di pensione è di un solo trimestre, mentre per gli altri paesi dell’Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo e della Svizzera è di un anno.
L’accredito di un trimestre da parte della Francia non dipende da un periodo effettivo di lavoro di 3 mesi ma dall’importo dello stipendio lordo percepito e dichiarato (voir page « L’assicurazione « invalidità -vecchiai-superstiti »).

L’età al momento della domanda

L’età pensionabile « legale » passa da 60 a 62 anni per uomini e donne

Requisiti per poter beneficiare della pensione « legale » :

  • avere i trimestri di contribuzione necessari secondo l’età (vedi tabella precedente) : per raggiungere il totale dei trimestri necessari sono validi tutti i periodi di lavoro effettuati sia nel settore privato che nel settore pubblico e , in virtù dei Regolamenti Europei, anche i periodi di contribuzione italiani e degli altri Paesi dell’Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo e della Svizzera.

Oppure

  • essere riconosciuto/a « inapte au travail » (inabile) per motivi di salute con incapacità di lavoro riconosciuta di al meno il 50%.

IL PASSAGGIO DA 60 A 62 ANNI

data di nascita

aumento dell’età

nuova età pensionabile

nati fino al 30 giugno 1951

nessun aumento

rimane l’età di 60 anni

tra il 1° luglio e il 31 dicembre 1951

4 mesi

60 anni e 4 mesi

1952

9 mesi

60 anni e 9 mesi

1953

1 anno e 2 mesi

61 anni e 2 mesi

1954

1 anno e 7 mesi

61 anni e 7 mesi

1955

2 anni

62 anni

1956 e anni seguenti

2 anni

62 anni

Se nessuna di queste condizione si verifica, si può ugualmente chiedere la pensione prima dei 67 anni (o anche prima per chi è nato tra il 1951 e il 1955), ma essa sarà definitivamente ridotta.

Calcolo della riduzione : il tasso pieno del 50% dello stipendio medio sarà ridotto dell’1,25 % di stipendio per ogni trimestre mancante

  • al raggiungimento del totale dei trimestri necessari

oppure

  • al raggiungimento dell’età di 67 anni (o all’età prevista per chi è nato tra il 1951 e il 1955 (vedi tabella precedente).

Verrà adottata la soluzione più favorevole per il pensionato.

La regola generale per un « tasso pieno » passa da 65 a 67 anni per uomini e donne, anche per chi non ha i trimestri necessari

L’età pensionabile costituisce senza dubbio il punto principale della nuova legge: la riforma ritarda progressivamente l’età pensionabile per tutti coloro che sono nati dal 1° luglio 1951 in poi.

Fino al 30 giugno 2011

Coloro che sono nati prima del 1° luglio 1951, in ogni caso, anche se non avevano i trimestri necessari, ottenevano la pensione calcolata « pienamente », o a “tasso pieno” (« au taux plein ») e cioè 50% dello stipendio di riferimento, all’età di 65 anni.

 Dal 1° luglio 2011 in poi tale età pensionabile passa progressivamente da 65 a 67 anni secondo lo schema seguente.

Lo schema concerne in particolare coloro che sono nati negli anni dal 1951 al 1955.

Per chi è nato dopo il 1955 l’età pensionabile sarà dunque 67 anni per tutti.

IL PASSAGGIO DA 65 A 67 ANNI

data di nascita

aumento dell’età

nuova età pensionabile

nati fino al 30 giugno 1951

nessun aumento

rimane l’età di 65 anni

tra il 1° luglio e il 31 dicembre 1951

4 mesi

65 anni e 4 mesi

1952

9 mesi

65 anni e 9 mesi

1953

1 anno e 2 mesi

66 anni e 2 mesi

1954

1 anno e 7 mesi

66 anni e 7 mesi

1955 e anni seguenti

2 anni

67 anni

 

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

*